X

X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto

Ancora con questo browser? È arrivato il momento di aggiornarlo per navigare nella migliore versione del nosotro sito.

Fai click qui per scaricarlo!

ÉSTE ES
NUESTRO CATÁLOGO
DE EXPORTACIÓN

¡Entra y descubre todos nuestros productos de alimentación sana!

DESCARGAR CATÁLOGO
Chiudi pop up

INSCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter: ricevi periodicamente le migliori ricette, notizie e tendenze.

TORNA ALL'ELENCO
Autoritratti fotografici, molto più di un selfie AUTORE: Àngels Codina 28 ottobre 2016

Autoritratti fotografici, molto più di un selfie

Scattato nell’intimità di una stanza e senza l’intenzione di mostrarlo agli altri, l’autoritratto è un esercizio di autoesplorazione attraverso la macchina fotografica. Storie come quella della fotografa Cristina Núñez dimostrano il potere terapeutico di fotografare se stessi.

Susan Sontag diceva che «fotografare significa appropriarsi della cosa che si fotografa». Seguendo questo principio, quando ci fotografiamo ci stiamo appropriando di noi stessi. Ci impadroniamo della nostra essenza. E sono in molti ad aver usato l’autoritratto per esorcizzare i proprio demoni. È il caso della fotografa Cristina Núñez (Figueres - Spagna, 1962), che, grazie alle foto che iniziò a scattarsi nel 1998, riuscì a liberarsi dalla tossicodipendenza dall’eroina e, anni più tardi, a uscire da una profonda depressione.

Grazie all’aiuto del suo allora compagno, un fotografo, scoprì il potere dell’obiettivo della macchina fotografica, capace di catturare il carisma e la forza delle persone ritratte. Fu allora che cominciò ad esplorare il mondo dell’autoritratto, e anche se all’inizio pensò che lo faceva per vanità, presto si rese conto che in realtà le serviva come terapia. Lo racconta in una intervista concessa al giornale spagnolo El País: «Compresi che avevo trovato il modo di dare a me stessa quello sguardo profondo che desideravo dagli altri. Solo che stavolta potevo essere io a darlo a me stessa. Era un passo importante per sconfiggere le dipendenze…».

Le sue opere sono state esposte in tutto il mondo e hanno ottenuto numerosi premi e riconoscimenti. Attualmente, Cristina Núñez continua a lavorare come fotografa e impartisce laboratori sull’autoritratto terapeutico all’interno di centri di detenzione e di disintossicazione.

La sua esperienza ci suggerisce che spesso la soluzione ai nostri problemi sta nel modo in cui siamo capaci di guardare noi stessi.

 

I COMMENTI DEI LETTORI

  • Micaela

    Autoritratti fotografici, molto più di un selfie

    .

    21 novembre 2016| 22:3 H
  • Antonio Iantoschi

    Autoritratti fotografici, molto più di un selfie

    Complimenti.

    21 agosto 2019| 20:46 H
Vuoi lasciarci un commento sul post?

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con un asterisco. *