X

X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto

Ancora con questo browser? È arrivato il momento di aggiornarlo per navigare nella migliore versione del nosotro sito.

Fai click qui per scaricarlo!

ÉSTE ES
NUESTRO CATÁLOGO
DE EXPORTACIÓN

¡Entra y descubre todos nuestros productos de alimentación sana!

DESCARGAR CATÁLOGO
Chiudi pop up

INSCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter: ricevi periodicamente le migliori ricette, notizie e tendenze.

TORNA ALL'ELENCO
Kumi Yamashita, sculture d’ombra AUTORE: Àngels Codina 2 giugno 2016

Kumi Yamashita, sculture d’ombra

Si accende la luce e, sullo sfondo, la figura appare scolpita nell’ombra. C’è solo bisogno che qualcosa si metta davanti al fascio di luce e che questo sia in un angolo preciso.

Sembra facile, eppure ottenere la bellezza creando arte –o emozione– con l’ombra è qualcosa in cui pochi possono riuscire; tra questi c’è l’artista nipponica Kumi Yamashita. Acume e sensibilità, arte contemporanea con forti radici nella tradizione del paese del sol nascente.

Tangibile e intangibile fusi insieme, così come creazione ed assenza. Quello che prima non c’era adesso appare… Una delle esperienze europee sull’esplorazione del lato oscuro è il Barocco, ma lì perfino l’ombra è eccessiva. In questa artista è misurata con finezza, come si può vedere dalle opere Fragments, City View, Veil, Clouds

Yamashita confessa che la sua arte si può capire solo se si è nati in Giappone, che è erede della tradizione del suo paese per la minuziosità degli artigiani, la raffinatezza della ricerca e l’essenza minimalista dei risultati.

È qui che si può intravvedere l’influsso di saggi come L’elogio dell’ombra di Junichiro Tanizaki, degli edifici lineari con plafond di carta, degli armoniosi giardini in stile zen, dei minuziosi origami, delle brevi poesie in forma di haiku e ikebana.

Yamashita fonde la tradizione e la modernità sia nelle forme che nei temi e ci mostra un altro Giappone contemporaneo.

Che si faccia luce perché appaia l’invisibile, perché il nulla si disegni.

 

I COMMENTI DEI LETTORI

  • Floriana

    Kumi Yamashita, sculture d’ombra

    Bellisima arte di kumi.Vorrei aquistare un opera sua

    20 giugno 2016| 14:3 H
Vuoi lasciarci un commento sul post?

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con un asterisco. *