X

X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto

Ancora con questo browser? È arrivato il momento di aggiornarlo per navigare nella migliore versione del nosotro sito.

Fai click qui per scaricarlo!

ÉSTE ES
NUESTRO CATÁLOGO
DE EXPORTACIÓN

¡Entra y descubre todos nuestros productos de alimentación sana!

DESCARGAR CATÁLOGO
Chiudi pop up

INSCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter: ricevi periodicamente le migliori ricette, notizie e tendenze.

TORNA ALL'ELENCO
L’illustratore britannico Mark Powell AUTORE: Sergio Collado 24 agosto 2016

Come dare alle lettere una nuova vita attraverso l’arte

L’illustratore britannico Mark Powell negli ultimi anni si è occupato di dare nuova vita alle lettere inviate per posta. Armato solo di penna, Powell disegna minuziosi ritratti realisti di persone ed animali –e di molto altro– su buste trovate qua e là. Usando la posta, ormai sempre più in disuso, come fonte di ispirazione.

Da quanto tempo non ricevi una lettera? E una cartolina? Va be’, rigiriamola: da quanto tempo non ne invii una? Be’, comunque sia non è mai troppo tardi… Ma non preoccuparti, non sei tu il problema: è il sistema postale ad essere ormai in declino, nonostante sia stato uno dei più importanti mezzi di comunicazione moderni.

La buca delle lettere, che un tempo custodiva le speranze (anche lavorative) di molti –la letterina a Babbo Natale, notizie di un amico lontano, una lettera d’amore!–, è oggi diventata una specie di oggetto kitsch, del tutto spoetizzato da propaganda politica, pubblicità e…dalle temute bollette. Proprio da qui dev’essere nata l’idea di Mark Powell, che, stanco di disegnare i suoi ritratti realisti su carta comune, decise di aggiungere un pizzico di simbolismo in più alle sue opere: perché non usare le lettere per i suoi disegni? E così dal 2011 le buste da lettere sono diventate la base della sua arte.

Con una tecnica stupenda del ritratto realista e iperrealista, Powell ha cominciato ad usare buste con mittente, francobollo o addirittura cera lacca: lettere che erano servite come mezzo di comunicazione. Lettere con una vita, con una storia. Powell, che usa buste moderne ma anche molto antiche, alcune datate verso la metà del XIX secolo, abbozza la maggior parte delle sue illustrazioni con una normale penna a sfera, proprio come quelle che si usano per scrivere la lista della spesa. Per lui, come riporta la giornalista Mar Abad, i suoi disegni postali sono “un modo di conservare la storia”.

I ritratti di Powell, insieme alle altre sue creazioni (uccelli, case…), dal tratto marcato e che dimostrano una grande maestria nell’uso del chiaroscuro, hanno fatto un certo rumore e hanno cominciato a muoversi rapidamente nel mondo artistico. Fino al punto che oggi sono quotate come vere e proprie opere d’arte. Del resto che altro è un’opera d’arte se non un oggetto, un simbolo, che in un determinato contesto colpisce, comunica e acquisisce una nuova vita? Proprio come una lettera.

Foto: Mark Powell

 

I COMMENTI DEI LETTORI

Vuoi lasciarci un commento sul post?

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con un asterisco. *