X

X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto
X

RICEVUTO!

hasta pronto

Ancora con questo browser? È arrivato il momento di aggiornarlo per navigare nella migliore versione del nosotro sito.

Fai click qui per scaricarlo!

ÉSTE ES
NUESTRO CATÁLOGO
DE EXPORTACIÓN

¡Entra y descubre todos nuestros productos de alimentación sana!

DESCARGAR CATÁLOGO
Chiudi pop up

INSCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter: ricevi periodicamente le migliori ricette, notizie e tendenze.

TORNA ALL'ELENCO
Ancora non sai cos’è lo strong? FONTE: Santiveri AUTORE: Santiveri 19 febbraio 2019

Ancora non sai cos’è lo strong?

Se mastichi un po’ di inglese saprai che strong significa “forte”. Ma questo “forte” di cui vi parliamo oggi non si riferisce alla forza fisica di qualcuno, ma a una disciplina sportiva che ultimamente sta avendo sempre più successo.

Lo strong è figlio degli stessi creatori della zumba, ma con alcune differenze. Gli esercizi che si praticano nello strong infatti sono mirati a bruciare grassi, costruire massa muscolare e tonificare tutto il corpo, specialmente addominali, cosce e glutei.

 

Anche lo strong, come la zumba, si pratica a suon di musica. La differenza è che nello strong prima si programmano gli esercizi, poi, una volta definiti, si sceglie la musica che ne marcherà il ritmo. Una bella novità per abituarci a muoverci al ritmo della musica e in perfetta armonia con gli esercizi. Si tratta di lezioni di gruppo che durano un’ora, e durante tutta la durata della lezione la musica incita e accompagna il movimento. Si comincia con una fase di riscaldamento che tonifica i muscoli per ottimizzarne il rendimento evitando di incappare in lesioni muscolari. In seguito l’intensità degli esercizi aumenta in maniera graduale e i movimenti diventano più energici: aumenta il ritmo musicale, la quantità di sforzo e il numero di muscoli coinvolti.

 

Quando gli esercizi volgono al termine il ritmo torna a diminuire per marcare movimenti più lenti e per favorire nuovamente lo stiramento di tutti i muscoli che hanno lavorato.

 

Techno, house, drums o moombahton sono solo alcuni degli stili musicali che si ascoltano mentre si pratica lo strong. Questi ritmi non solo aiutano ad energizzare l’ambiente e a stimolare chi pratica questa disciplina, ma sono anche un modo per mantenere la coordinazione, il ritmo e la concentrazione su ogni movimento, aiutandoci a compiere esercizi più intensi, energici e che implichino una maggiore forza fisica.

 

Lo strong, anche se è suddiviso in diversi livelli di intensità, è pensato per persone che possiedono già un certo livello di preparazione fisica. È consigliabile praticarlo 2 o 3 volte a settimana, lasciando almeno un giorno di riposo tra una lezione e l’altra, visto che si tratta di un’attività di intensità medio-alta. Per evitare fastidi articolari e muscolari, ricordati di seguire una dieta equilibrata, varia e salutare, che potrai migliorare con degli integratori alimentari di antiossidanti, di collagene o di silicio.

 

Se ti va di provare puoi anche cercare in rete, su YouTube puoi trovare dei tutorial e delle lezioni che ti permetteranno di vedere com’è intenso ma anche molto divertente lo strong. Cosa aspetti? Vuoi saperne di più sulle piante e gli integratori? Iscriviti alla nostra newsletter.